Home / Marginalità / Progetto “Verso Casa”: ecco tutti i numeri del centro accoglienza SEFA

Progetto “Verso Casa”: ecco tutti i numeri del centro accoglienza SEFA

Fonte : Sito del Comune di Livorno

 

image

 

Dhimgjini: “Siamo passati da semplici dormitori temporanei a luoghi di sostegno sociale e personale”

Livorno 15 maggio 2017 – E’ stata presentata questa mattina in conferenza stampa dall’assessore al sociale Ina Dhimgjini la relazione consuntiva di tutta l’attività svolta dal Centro di Accoglienza SEFA nell’anno appena trascorso.  La ricerca, redatta da coop Il Simbolo, Humanitas e la Pubblica Assistenza (gestori del servizio), oltre i numeri, illustra anche le tipologie di disagio sociale delle persone che hanno richiesto ospitalità al centro di prima assistenza, nonché i tempi e modi della loro permanenza.

Su 464 presenze totali, il 77% sono stati uomini, il 23% donne, il 64% italiani e il 36% stranieri. Invece le persone che sono complessivamente entrate in contatto col centro sono state 952, anche qui a grande maggioranza uomini (761 contro 191 donne) e circa al 70% cittadini italiani. I livornesi sono stati il 36% di tutte le presenze italiane, l’1,5% dal resto della Provincia e il 26% dal resto della Regione.

Questi i dati relativi al centro di via Terreni, ma il servizio comprende anche i 2 appartamenti di via del Cedro, “casa uomini” e “casa donne” da 16 posti ciascuno. Il report, con un focus sui primi mesi dell’anno, individua varie tipologie di disagio a cui appartengono gli ospiti delle 2 case. In maggioranza si tratta di casi sanitari (cardiopatie), a seguire abuso di alcol, violenza, ludopatie, tossicodipendenze e psichiatria. Nelle case gli uomini rimangono alloggiati in media per 4 anni, le donne invece 3.

“I due dati significativi – commenta l’assessore al sociale Ina Dhimgjini – che saltano subito agli occhi è che abbiamo potuto soddisfare soltanto un terzo delle richieste pervenute e che i maggiori fruitori del servizio sono uomini italiani, anzi livornesi, di mezza età e che rappresentano il doppio degli stranieri. Sono invece circa un quarto del totale le ospiti donne e tra queste invece sono più numerose le straniere. La forte crisi economica che il nostro territorio sta vivendo ha certamente contribuito al picco di richieste e ci conferma che gli immigrati non sono l’unica categoria a rischio povertà. Ma le strutture di via Terreni e via Del Cedro, oltre ai veri e propri “senza dimora”, accolgono anche alcune persone variamente disagiate che provengono dalle dimissioni ospedaliere protette o dai  servizi sociali”.

Infatti il SEFA, che opera in stretta collaborazione con le altre strutture pubbliche e private del territorio, nel corso del 2016 ha erogato un totale di 41 “buoni alloggio”, alcuni per persone in emergenza sanitaria che dal pronto soccorso, sono transitati prima all’ospedale di comunità e successivamente al SEFA. Significativi anche gli invii fatti dai Servizi Sociali, SER.T, Ufsma, Caritas, S. Egidio, Centro Donna e CIP, in particolare i casi di violenza sulle donne segnalati dal codice rosa.

Il documento ha infine messo in evidenza anche le maggiori criticità emerse nella gestione del servizio, come la difficoltà per gli ospiti a rispettare le regole di convivenza e di funzionamento interno o le dinamiche conflittuali interne al gruppo degli ospiti o ancora la difficoltà a seguire con costanza e puntualità gli impegni della loro presa in carico da parte dei servizi sociali.

Conclude così l’assessore: “In questo settore abbiamo impresso un vero e proprio cambio di passo, rispetto alle amministrazioni precedenti. Siamo passati da semplici dormitori temporanei a luoghi di sostegno sociale e personale, con l’impiego di educatori e psicologi. “Verso casa” sta proprio a significare che il nostro obbiettivo è quello di far uscire queste persone dal semplice assistenzialismo, facendo loro recuperare almeno quel tanto di autonomia che serve per poi gestire le future situazioni abitative negli alloggi popolari. Ringrazio quindi i gestori del SEFA non soltanto per questo importante lavoro di sintesi, ma soprattutto per come stanno lavorando in questo servizio, accompagnando quotidianamente i nostri concittadini più bisognosi”.


Fonte : Il Tirreno

Tanti livornesi di mezza età si rivolgono al centro di accoglienza: tutti i numeri

Livorno, il bilancio 2016: in totale sono 952 le persone entrate in contatto con il Sefa

LIVORNO. La maggior parte sono uomini italiani. In totale sono 952 le persone entrate in contattto con il centro di accoglienza Sefa nel 2016 (i livornesi sono il 36% di tutte le presenze). E’ direttamente il Comune a fare un bilancio di numeri e servizi del “progetto verso casa”.  La ricerca, redatta da coop Il simbolo, Humanitas e la Pubblica Assistenza (gestori del servizio), oltre i numeri, illustra anche le tipologie di disagio sociale delle persone che hanno richiesto ospitalità al centro di prima assistenza, nonché i tempi e modi della loro permanenza.

I NUMERI DEL CENTRO ACCOGLIENZA

Su 464 presenze totali, il 77% sono stati uomini, il 23% donne, il 64% italiani e il 36% stranieri. Invece le persone che sono complessivamente entrate in contatto col centro sono state 952, anche qui a grande maggioranza uomini (761 contro 191 donne) e circa al 70% cittadini italiani. I livornesi sono stati il 36% di tutte le presenze italiane, l’1,5% dal resto della Provincia e il 26% dal resto della Regione.

TANTI I CASI SANITARI

Questi i dati relativi al centro di via Terreni, ma il servizio comprende anche i 2 appartamenti di via del Cedro, “casa uomini” e “casa donne” da 16 posti ciascuno. Il report, con un focus sui primi mesi dell’anno, individua varie tipologie di disagio a cui appartengono gli ospiti delle 2 case. In maggioranza si tratta di casi sanitari (cardiopatie), a seguire abuso di alcol, violenza, ludopatie, tossicodipendenze e psichiatria. Nelle case gli uomini rimangono alloggiati in media per 4 anni, le donne invece 3.

TANTI LIVORNESI DI MEZZA ETA’

“I due dati significativi – commenta l’assessore al sociale Ina Dhimgjini – che saltano subito agli occhi è che abbiamo potuto soddisfare soltanto un terzo delle richieste pervenute e che i maggiori fruitori del servizio sono uomini italiani, anzi livornesi, di mezza età e che rappresentano il doppio degli stranieri. Sono invece circa un quarto del totale le ospiti donne e tra queste invece sono più numerose le straniere. La forte crisi economica che il nostro territorio sta vivendo ha certamente contribuito al picco di richieste e ci conferma che gli immigrati non sono l’unica categoria a rischio povertà. Ma le strutture di via Terreni e via Del Cedro, oltre ai veri e propri “senza dimora”, accolgono anche alcune persone variamente disagiate che provengono dalle dimissioni ospedaliere protette o dai servizi sociali”.

LE CRITICITA’ RILEVATE

Infatti il Sefa che opera in stretta collaborazione con le altre strutture pubbliche e private del territorio, nel corso del 2016 ha erogato un totale di 41 “buoni alloggio”, alcuni per persone in emergenza sanitaria che dal pronto soccorso, sono transitati prima all’ospedale di comunità e successivamente al Sefa. Significativi anche gli invii fatti dai Servizi Sociali, Sert, Ufsma, Caritas, S. Egidio, Centro Donna e Cip, in particolare i casi di violenza sulle donne segnalati dal codice rosa. Il documento ha infine messo in evidenza anche le maggiori criticità emerse nella gestione del servizio, come la difficoltà per gli ospiti a rispettare le regole di convivenza e di funzionamento interno o le dinamiche conflittuali interne al gruppo degli ospiti o ancora la difficoltà a seguire con costanza e puntualità gli impegni della loro presa in carico da parte dei servizi sociali. Conclude così l’assessore: “In questo settore abbiamo impresso un vero e proprio cambio di passo, rispetto alle amministrazioni precedenti. Siamo passati da semplici dormitori temporanei a luoghi di sostegno sociale e personale, con l’impiego di educatori e psicologi. “Verso casa” sta proprio a significare che il nostro obbiettivo è quello di far uscire queste persone dal semplice assistenzialismo, facendo loro recuperare almeno quel tanto di autonomia che serve per poi gestire

le future situazioni abitative negli alloggi popolari. Ringrazio quindi i gestori del Sefa non soltanto per questo importante lavoro di sintesi, ma soprattutto per come stanno lavorando in questo servizio, accompagnando quotidianamente i nostri concittadini più bisognosi”.


Fonte : La Nazione

Progetto “Verso casa”: ecco i numeri del centro accoglienza Sefa

dom

Livorno 15 maggio 2017 – E’ stata presentata questa mattina in conferenza stampa dall’assessore al sociale Ina Dhimgjini la relazione consuntiva di tutta l’attività svolta dal Centro di Accoglienza SEFA nell’anno appena trascorso. La ricerca, redatta da coop Il Simbolo, Humanitas e la Pubblica Assistenza (gestori del servizio), oltre i numeri, illustra anche le tipologie di disagio sociale delle persone che hanno richiesto ospitalità al centro di prima assistenza, nonché i tempi e modi della loro permanenza. Su 464 presenze totali, il 77% sono stati uomini, il 23% donne, il 64% italiani e il 36% stranieri. Invece le persone che sono complessivamente entrate in contatto col centro sono state 952, anche qui a grande maggioranza uomini (761 contro 191 donne) e circa al 70% cittadini italiani. I livornesi sono stati il 36% di tutte le presenze italiane, l’1,5% dal resto della Provincia e il 26% dal resto della Regione.

Questi i dati relativi al centro di via Terreni, ma il servizio comprende anche i 2 appartamenti di via del Cedro, “casa uomini” e “casa donne” da 16 posti ciascuno. Il report, con un focus sui primi mesi dell’anno, individua varie tipologie di disagio a cui appartengono gli ospiti delle 2 case. In maggioranza si tratta di casi sanitari (cardiopatie), a seguire abuso di alcol, violenza, ludopatie, tossicodipendenze e psichiatria. Nelle case gli uomini rimangono alloggiati in media per 4 anni, le donne invece 3.

“I due dati significativi – commenta l’assessore al sociale Ina Dhimgjini – che saltano subito agli occhi è che abbiamo potuto soddisfare soltanto un terzo delle richieste pervenute e che i maggiori fruitori del servizio sono uomini italiani, anzi livornesi, di mezza età e che rappresentano il doppio degli stranieri. Sono invece circa un quarto del totale le ospiti donne e tra queste invece sono più numerose le straniere. La forte crisi economica che il nostro territorio sta vivendo ha certamente contribuito al picco di richieste e ci conferma che gli immigrati non sono l’unica categoria a rischio povertà. Ma le strutture di via Terreni e via Del Cedro, oltre ai veri e propri “senza dimora”, accolgono anche alcune persone variamente disagiate che provengono dalle dimissioni ospedaliere protette o dai servizi sociali”.

Infatti il SEFA, che opera in stretta collaborazione con le altre strutture pubbliche e private del territorio, nel corso del 2016 ha erogato un totale di 41 “buoni alloggio”, alcuni per persone in emergenza sanitaria che dal pronto soccorso, sono transitati prima all’ospedale di comunità e successivamente al SEFA. Significativi anche gli invii fatti dai Servizi Sociali, SER.T, Ufsma, Caritas, S. Egidio, Centro Donna e CIP, in particolare i casi di violenza sulle donne segnalati dal codice rosa. Il documento ha infine messo in evidenza anche le maggiori criticità emerse nella gestione del servizio, come la difficoltà per gli ospiti a rispettare le regole di convivenza e di funzionamento interno o le dinamiche conflittuali interne al gruppo degli ospiti o ancora la difficoltà a seguire con costanza e puntualità gli impegni della loro presa in carico da parte dei servizi sociali.

Conclude così l’assessore: “In questo settore abbiamo impresso un vero e proprio cambio di passo, rispetto alle amministrazioni precedenti. Siamo passati da semplici dormitori temporanei a luoghi di sostegno sociale e personale, con l’impiego di educatori e psicologi. “Verso casa” sta proprio a significare che il nostro obbiettivo è quello di far uscire queste persone dal semplice assistenzialismo, facendo loro recuperare almeno quel tanto di autonomia che serve per poi gestire le future situazioni abitative negli alloggi popolari. Ringrazio quindi i gestori del SEFA non soltanto per questo importante lavoro di sintesi, ma soprattutto per come stanno lavorando in questo servizio, accompagnando quotidianamente i nostri concittadini più bisognosi”.

About maxcer

Responsabile sistemi informativi - Webengineer

Check Also

Mucca-moka-scuola-cucina

Mucca Moka a scuola di cucina: lettura con drammatizzazione alla Ludoteca Tutti Giù per Terra

Ritornano le letture ad alta voce insieme a Ramona Lami, questa volta impegnata con la ...

Vai alla barra degli strumenti