Home / Marginalità / Housing First, la casa prima di tutto

Housing First, la casa prima di tutto

(Fonte: SDS Pisa)

Pisa, giovedì 6 giugno 2019 –  L’Housing First, letteralmente “la casa prima di tutto” è un modello innovativo di intervento, nell’ambito delle politiche sociali per il contrasto alla grave marginalità sociale, basato sull’inserimento di persone senzatetto in singoli appartamenti indipendenti, allo scopo di favorirne la fuoriuscita dal degrado e la reintegrazione sociale. La portata innovativa dell’Housing First si esprime con un metodo di intervento incentrato sull’inserimento diretto in appartamenti di persone che versano in condizione di disagio. L’inserimento abitativo rappresenta il punto di partenza dei percorsi di integrazione sociale, affiancandosi e combinandosi ad interventi di accompagnamento e supporto alla persona, che mirano ad un completo reinserimento della persona nel tessuto sociale.

Grazie al contributo di 300 mila euro che provengono in parte da fondi europei e in parte dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, la Società della Salute di Pisa, tramite ”Progetto Homeless”, ha realizzato il primo progetto di questo tipo a livello regionale, “Housing First Pisa”. Con la collaborazione della Curia di Pisa e della Caritas, sono stati messi a disposizione 6 appartamenti che verranno assegnati a persone senza tetto, stanziali sul territorio di Pisa e ospiti fissi del Centro di via Fazio individuati sulla base di determinate caratteristiche, tra cui la possibilità di vivere e gestire una casa in maniera autosufficiente e di inserirsi positivamente all’interno di un contesto residenziale. Gli assegnatari da parte loro devono rispettare tre vincoli: devono provvedere al pagamento di un terzo del canone dell’affitto, devono mantenere un comportamento idoneo e positivo, devono partecipare ad incontri settimanali con gli operatori della cooperativa Il Simbolo, che si occuperà così di effettuare un servizio monitoraggio e di accompagnamento all’inserimento, coadiuvato anche da un’operazione di mediazione culturale rivolta agli abitanti del quartiere.

Gli appartamenti in questione si trovano quasi tutti nel quartiere Cep (5), mentre uno si trova in zona La Cella. Due sono in corso di affidamento, mentre tre destinatari verranno individuati a breve. Gli operatori della cooperativa Il Simbolo saranno a disposizione, per facilitare l’inserimento dei nuovi inquilini all’interno del quartiere, anche con momenti di ritrovo e animazione.

About maxcer

Responsabile sistemi informativi - Webengineer

Check Also

Schermata 2019-10-18 alle 20.47.35

Emergenze sociali: attivato il nuovo servizio di pronto intervento

(Fonte: IlTirreno.it)     Livorno, è operativo negli orari di chiusura dei servizi alla persona ...